Molinari e la smania di diffamare


Nei giorni scorsi la sindaca Molinari ha cercato di strumentalizzare una caso di corruzione a Seregno per attaccare il Partito Democratico di Peschiera Borromeo alludendo ad una politica che da anni rovina la nostra città.

Il comportamento della maggioranza che governa Peschiera, oltre che irresponsabile, è stato studiato per screditare gli avversari politici e soprattutto per spostare l'attenzione dai problemi della città che non sanno affrontare.

Insomma la giunta Molinari fa del gossip l'unica bussola amministrativa, insinuando il sospetto nei nostri cittadini e non parlando di fatti.

Il tutto per alimentare un clima da costante campagna elettorale ricercando un consenso invece di occuparsi di governare.

In città i problemi ci sono e stanno aumentando, i consigli comunali sono rari, gli indirizzi politici del Sindaco non si vedono neanche negli atti amministrativi. Solo tre i bandi presentati in un anno e mezzo: tra ricorsi, mancate assegnazioni e nessuna delibera di indirizzo politico.

Il poliambulatorio ha visto ridurre i servizi del 70% ma a questa maggioranza non interessa e anzi ha presentato la cosa come una miglioria per Peschiera Borromeo. I campi sportivi sono in condizioni pietose, nonostante in campagna elettorale ci era stato raccontato che quello di Linate sarebbe stato aperto addirittura entro i primi 100 giorni di amministrazione.

Per quello di Mezzate ci sono 400 firme di cittadini che ne chiedono l'apertura che non sono nemmeno considerate. Il Patrimonio comunale è in deterioramento continuo. Sulle questioni urbanistiche non una sola soluzione è stata trovata.

Sui trasporti le opposizioni aspettano da un anno una commissione per poter esprimersi ma il vicesindaco Righini ha difficoltà evidenti anche nella organizzazione di una serata pubblica sul trasporto, figurarsi ad esprimere un'idea sul riassetto dei trasporti. 1000 pasti per le famiglie bisognose sono stati consegnati a questo Comune a dicembre del 2016 e ad oggi il Sindaco Molinari non è riuscita neanche a trovare un modo per consegnarli.

Ci hanno parlato di trasparenza e persino le commissioni comunali, nonostante le promesse del sindaco, non sono mai trasmesse in streaming. Sindaco ed assessori hanno difficoltà ad incontrare i cittadini in Comune.

Addirittura nelle assemblee pubbliche non è possibile fare domande oppure bisogna presentarle per iscritto in modo tale da filtrarle. Eppure gli esempi di città che si sviluppano ci sono, San Donato e Segrate aumentano i servizi, noi li perdiamo.

Potremmo continuare ad elencare i vari problemi amministrativi che questa Maggioranza sta incontrando, ma in realtà, a noi interessa un'unica cosa: che la Sindaca Molinari inizi a governare e che si assuma le responsabilità delle scelte, sempre che sia capace. La legalità si realizza attraverso le risposte alla cittadinanza, non con la smania di diffamare.

Il Circolo Moro-Berlinguer